Il sistema di allerta rapido internazionale e la prevenzione della diffusione degli agenti patogeni emergenti.

Gli operatori sanitari e i ricercatori hanno oggi maggiori capacità di identificare rapidamente gli agenti patogeni, isolare i pazienti sospettati di essere infetti, prevenire la trasmissione delle malattie tra diversi paesi e di condividere le informazioni tra i vari stati grazie alle modifiche normative apportate dalla Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) dopo l’epidemia di SARS del 2003.

Le nuove norme, che hanno forza di legge internazionale, richiedono ai paesi membri dell’OMS di aumentare la capacità di “individuare presto e rapidamente e di riferire all’OMS episodi di malattia con il potenziale di diffusione transfrontaliera”.

Il Regolamento sanitario internazionale del 2005 comprende una serie di procedure per la gestione degli eventi, nonché i requisiti relativi ai sistemi nazionali di sorveglianza delle malattie e ai sistemi di risposta. Questi sistemi sono “i requisiti fondamentali di capacità per la sorveglianza e la risposta” e vengono definiti nella parte A dell’allegato 1 del Regolamento.

Tuttavia, molti paesi devono ancora adeguarsi pienamente alle norme OMS.

International Health Regulations (2005) II edition, WHO

 

Altre notizie della sezione

24 aprile 2013

Dengue: una malattia potenzialmente trasmissibile tramite trasfusioni

Un editoriale interessante e completo sul virus Dengue e il rischio di trasmissione in ambito trasfusionale, pubblicato su Transfusion nell’agosto 2011.

24 aprile 2013

Caratteristiche virologiche e cliniche dell’infezione primaria da parvovirus PARV4 in soggetti emofilici: frequente trasmissione da parte di concentrati di fattori della coagulazione sottoposti a trattamenti di inattivazione virale.

Si tratta di uno studio condotto in Inghilterra su 195 emofilici seguiti per 5 anni e pubblicato su Transfusion nel 2012 che ha consentito di calcolare il tasso di sieroconversione all’anno e la durata della viremia nei pazienti infettati. Le principali manifestazioni cliniche riportate sono rappresentate da esantemi e esacerbazioni di epatite. Gli stessi autori […]

24 aprile 2013

Contaminazione da DNA di parvovirus B19 in plasma e plasmaderivati cinesi

Tramite la ricerca del DNA del virus B19 e degli anticorpi anti-virus B19, gli autori, cinesi, hanno dimostrato che più  del 54 % dei pool di plasma lavorati da due diverse aziende del settore contenevano livelli variabili di DNA virale, nonostante l’implementazione di metodi di inattivazione/rimozione virale.