Eliminati 5.000 litri di plasma destinati alla produzione di farmaci plasmaderivati

A seguito della positività per il virus dell’epatite A di due pool di plasma prodotto da donazioni provenienti dalla regione Lombardia, si è resa necessaria l’eliminazione di ben 5000 litri di plasma destinati alla produzione di farmaci plasmaderivati. Questo perchè il test di amplificazione genica (HAV NAT) è stato eseguito su un maxi pool costituito da più di 2000 donazioni di plasma e pertanto non è stato possibile risalire alle donazioni infette.

Pertanto, nella presente circolare, il Centro Nazionale Sangue ritiene opportuno ridurre il numero di pool (mini-pool costituito da un massimo di 512 unità) di plasma da testare in modo da aumentare la sensibilità del test e di eliminare solo alcune unità, e non tutte, in caso di riscontro di positività per il virus dell’epatite A.

Altre notizie della sezione

8 ottobre 2015

Risarcimento danni da emotrasfusione infetta: il termine di prescrizione decorre dal momento della percezione della patologia contratta

La Corte di Cassazione con Sentenza 3-07-2015, n. 13660, ha recentemente avuto modo di esprimersi in merito all’importante questione relativa al risarcimento del danno derivante dalla contrazione di epatopatie a seguito di trasfusioni di sangue infetto.

24 febbraio 2015

Ritiro di un lotto di albumina da parte di AIFA

In data 12 febbraio 2015 AIFA ha disposto il ritiro a scopo precauzionale di un lotto del plasmaderivato albumina (ALBIOMIN prodotto dalla ditta Biotest)