Trasfusione di Sangue controllo dei rischi Infettivi

Dalla raccolta di sangue dal donatore per uso trasfusionale fino al momento della somministarazione  al ricevente, ci sono diversi livelli di protezione delle scorte di sangue. Queste misure combinate con enormi progressi nel corso degli ultimi tre decenni nella scoperta di patogeni e analisi del sangue per patogeni specifici (virus dell’immunodeficienza umana (HIV), epatite B (HBV) e C (HCV) virus, il virus della leucemia umana a cellule T (HTLV)) , assicurano grande sicurezza.

Con l’implementazione di test sierologici e molecolari, almeno nei paesi ad alto reddito, le infezioni trasmesse  per via  trasfusione sono diventate estremamente rare. Tuttavia, gli agenti patogeni per cui non esistono test specifici e in particolare quelli che sono responsabili di malattie infettive emergenti, confermano che il pieno controllo delle malattie infettive non e’ stato ancora raggiunto. Inoltre , anche  lo stato immunitario del ricevente ha un impatto sull’insorgenza di malattie infettive trasmesse per via  trasfusionale. La sicurezza del sangue si basa su una serie di misure, che affrontano l’istruzione e il differimento dei donatori con fattori di rischio per malattie trasmissibili, l’esame del sangue, gli interventi di riduzione dei patogeni, e la gestione del sangue del paziente. Questo articolo propone una revisione del rischio residuo di trasmissione di malattie infettive per via trasfusionale e degli interventi complementari possibili per ridurlo.

Altre notizie della sezione

19 dicembre 2014

PARV4 anche in Brasile, una nuova segnalazione

Su Haemophilia di ottobre 2014 è stata pubblicata una lettera  di Slavov e colleghi che segnalano la presenza del parvovirus PARV4 in alcuni pazienti emofilici e in donatore di sangue brasiliani.  In tutti i casi si trattava di infezioni  asintomatiche. A parte il dato epidemiologico, relativo alla diffusione del virus anche in Sud America (o […]

20 ottobre 2014

Sicurezza della terapia sostitutiva dell’emofilia: l’opinione degli specialisti italiani

Sono stati di recente pubblicati da Haemophilia i risultati di una survey condotta dall’Associazione Italiana dei Centri Emofilia (AICE) nel 2013 circa gli aspetti ancora oggetto di controversie nel trattamento dell’emofilia. Nel questionario, al quale hanno risposto 40 dei 52 Centri Emofilia italiani, grande attenzione viene dedicata alla scelta tra plasmaderivati e ricombinanti per la […]

9 settembre 2014

Malattie trasmissibili con la trasfusione in Italia: sorveglianza epidemiologica dei donatori di sangue. Rapporto 2012

Facco G, Piccinini V, Catalano L, Pupella S, Grazzini G. Malattie trasmissibili con la trasfusione in Italia: sorveglianza epidemiologica dei donatori di sangue. Rapporto 2012. Roma: Istituto Superiore di Sanità; 2014. (Rapporti ISTISAN 14/4). Nel 2012, 1.998 donatori sono risultati positivi ai marcatori delle malattie trasmissibili con il sangue e emocomponenti, 868 per HBV (Hepatitis […]