la prevalenza e l’incidenza di HIV tra i donatori di sangue nel sud-est degli Stati Uniti sono più alte rispetto ad altre regioni degli USA

Prevalenza, incidenza e fattori di rischio di infezione da HIV nei donatori di sangue del sud-est degli Stati Uniti

Il virus dell’immunodeficienza umana (HIV) può essere trasmesso attraverso la trasfusione di emoderivati. Il sud degli Stati Uniti ha un alto tasso di infezioni da HIV per le caratteristiche della popolazione che ha un ridotto accesso alle cure mediche, un’alta percentuale di povertà e di resistenza alla diagnosi e prevenzione dell’HIV. In questa popolazione abbiamo calcolato la prevalenza, l’incidenza e il  rischio di trasmissione dell’HIV attraverso la donazione di emoderivati.

L’American Red Cross ha testato dal 2009 al 2014 la prevalenza di HIV, l’incidenza e il rischio residuo. Dal 2009 al 2014 sono stati riscontrati un totale di 236 HIV positività ovvero una prevalenza di 8.3 per 100.000 donazioni derivanti da 56 donatori. Durante i 6 anni di osservazione, l’incidenza è passata da 7,1 per 100.000 persone-anno nei primi due anni (2009-2010) a 3,5 negli ultimi due anni (2013-2014). Il rischio residuo è diminuito da 1 a 562.000 a 1 su 1.100.000. Il più importante fattore di rischio è stato l’essere un donatore maschio che aveva avuto rapporti sessuali con altri maschi.

Questo studio dimostra quindi che  la prevalenza e l’incidenza di HIV tra i donatori di sangue nel sud-est degli Stati Uniti sono più alte rispetto ad altre regioni degli USA. La stima del rischio di infezione da HIV, tramite la trasfusione di emoderivati, si riscontra essere meno di 1 per milione.

Per ridurre tale grave problematica è necessario il monitoraggio continuo dei campioni di sangue e continuare gli sforzi educativi per fornire ai donatori informazioni sui rischi trasfusionali per il riceventi e sulle alternative alle donazioni.


Transfusion. 2016 Nov 2.

Prevalence, incidence, and risk factors of human immunodeficiency virus infection in blood donors in the Southeastern United States.

Crowder LA, Steele WR, Notari EP 4th, Hopkins CK, Lima JL, Foster GA, Townsend RL, Krysztof DE, Dodd RY, Stramer SL.

Altre notizie della sezione

1 agosto 2016

Co-infezione da HIV ed HHV8 nel mondo: una review e meta-analisi sistematica

L’infezione da HIV è un importante fattore di rischio per lo sviluppo di sarcoma di Kaposi (KS), ma non è chiaro se le persone sieropositive sono ad aumentato rischio di co-infezione con herpesvirus umano 8 (HHV-8), la causa infettiva di KS. In questo lavoro è stata effettuata una ricerca sistematica della letteratura fino al dicembre […]

1 agosto 2016

L’infezione occulta da HCV: lo stato corrente delle conoscenze

Con una storia clinica di circa 11 anni, l’infezione occulta da HCV (OCI) può essere considerata un tipo occulto di Epatite C cronica. Evidenze suggeriscono che sembra essere necessario considerare OCI in questi gruppi ad alto rischio. In questo articolo viene suggerito che test diagnostici alternativi dovrebbero essere applicati e che vi è la necessità […]

22 luglio 2016

Oltre 51.000 trattamenti con i nuovi antivirali diretti anti-epatite C intrapresi in Italia

Aggiornamenti sui trattamenti in Italia con i nuovi farmaci ad azione antivirale diretta di seconda generazione (DAAs) per la cura dell’epatite C cronica