Gestione delle segnalazioni di donatori con infezione da Creutzfeldt-Jakob (informazione acquisita post donazione).

L’adozione di misure di profilassi dell’infezione prionica estremamente restrittive rischia di compromettere  la disponibilità di prodotti emoderivati salvavita per i pazienti, in nome di un  rischio di trasmissione che resta, sulla base delle evidenze scientifiche, soltanto ipotetico.

Tuttavia, al fine di preservare il paziente, le autorità impongono alcune accortezze quali il ritiro dei lotti di prodotto interessato o la messa in quarantena dello stesso nel caso di donatori che, anche se in un periodo successivo alla donazione, abbiano riportato diagnosi o sospetta diagnosi di encefalopatia di Creutzfeldt- Jakob nella forma variante e non nelle forme sporadiche, iatrogene o genetiche.


 

Blood Transfus. 2014 Jan;12(1):22-7

Management of notifications of donors with Creutzfeldt-Jakob disease (post-donation information).

Calizzani G1Vaglio S1Vetrugno V2Delbò M3Pani L3Grazzini G1.

Altre notizie della sezione

5 novembre 2015

Ricerca di malattia di Creutzfeldt-Jakob variante associata a trapianto di organi o tessuti nel Regno Unito.

Questo articolo propone un’analisi di tipo retrospettivo, condotta nel Regno Unito, mirata alla ricerca di casi di malattia di Creutzfeldt Jakob variante (vCJD) associata al trapianto d’ organo. Fatta eccezione per un caso di vCJD in un soggetto sottoposto in precedenza a trapianto epatico, senza tuttavia evidenza di malattia da prione nel donatore e negli […]

5 novembre 2015

Sicurezza degli emoderivati trasfusi nei primati ed ottenuti da portatori di malattia di Creutzfeldt-Jakob variante con l’impiego di dispositivi per la rimozione dei prioni dalle donazioni infette: un update degli ultimi 5 anni.

Sono incoraggianti i risultati di questo studio, tuttora in corso, circa la possibilità di rimozione delle infezioni da prione dalle donazioni infette con il ricorso ad appositi dispositivi filtro, in particolare del tipo P-Capt.  Gli autori riportano infatti un rischio di infezione di Creutzfeldt-Jakob associato alla trasfusione di emazie da donatore infetto nei primati sani […]

2 novembre 2015

Primo isolamento di proteina prionica associata all’encefalopatia spongiforme trasmissibile o PrPTSE in vescicole extracellulari dal plasma murino contaminato da Creutzfeldt-Jakob variante “mouse adapted” con metodica di amplificazione in vitro.

L’attenzione sul rischio di trasmissione prionica associato all’impiego di prodotti emoderivati è aumentata  in seguito al riscontro di malattia di Creutzfeldt Jakob variante (vCJD) in soggetti che avevano ricevuto trasfusione di emazie concentrate ottenuta da donatori sani al momento della donazione, ma successivamente risultati infetti. Inoltre nei pazienti con vCJD è stata già identificata da […]