La metagenomica virale e la sicurezza del sangue

La caratterizzazione del gruppo di virus associati al sangue umano (chiamato anche blood virome) è essenziale per la sorveglianza epidemiologica e per anticipare le nuove potenziali minacce per la sicurezza delle  trasfusioni di sangue e di emocomponenti. Attualmente, il rischio di trasmissione per via  ematica dei dei virus noti (HBV, HCV, HIV e HTLV) può essere considerato sotto controllo nei paesi più sviluppati. Tuttavia, altri virus sconosciuti o insospettati possono essere trasmessi a coloro che ricevono prodotti derivati ​​dal sangue. Questo è particolarmente rilevante se si considera che una percentuale significativa di pazienti trasfusi sono immunocompromessi e  frequentemente destinati ad esiti fatali. Diverse misure per prevenire la trasmissione attraverso le trasfusioni di virus sconosciuti sono state implementate tra cui l’esclusione dei donatori a rischio, la riduzione dei leucociti del sangue del donatore, e il trattamento chimico-fisico delle diverse componenti del sangue. Tuttavia, fino ad oggi non esiste un metodo universale per l’inattivazione dei patogeni,  applicabile a tutti i tipi di componenti del sangue e, altrettanto efficace per tutte le famiglie virali. Inoltre, tra le procedure di inattivazione virale  disponibili virali, alcuni di esse sono riconosciute per essere meno efficaci sui virus non capsulati, e inadeguate per inattivare alti titoli virali  in pool di plasma o derivati. Per questo motivo vi è la necessità di implementare nuove metodologie per la scoperta di virus ignoti che possono influenzare l’uso della trasfusione di sangue e dei plasmaderivati. La metagenomica virale combinata con High Throughput Sequencing appare come un approccio promettente per l’identificazione e la sorveglianza globale di nuovi e / o imprevisti virus che potrebbero compromettere la sicurezza dell’uso del sangue e dei suoi derivati.


 

Transfus Clin Biol. 2016 Jan 8. pii: S1246-7820(15)00429-2. doi: 10.1016/j.tracli.2015.12.002. [Epub ahead of print]

Viral metagenomics and blood safety.

Sauvage V1, Eloit M2.

Altre notizie della sezione

23 febbraio 2016

Un motivo in più per testare il sangue dei donatori per lo Zika virus

Nella Polinesia Francese c’è stata, a partire da ottobre 2013, un’ epidemia di Zika Virus. Poiché non è ben conosciuta la possibilità di trasmissione dello Zika virus attraverso i derivati del sangue, da novembre 2013 a gennaio 2014 sono stati testati retrospettivamente per lo Zika virus 1505 campioni di sangue di donatori di sangue. Utilizzando […]

23 febbraio 2016

La siero prevalenza degli arbovirus in Polinesia Francese

La Polinesia Francese è una zona endemica per gli arbovirus, in particolare il Dengue virus, lo Zika virus, il virus dell’encefalite japponese e West Nile virus. In questo studio sono state investigate le siero prevalenze di tali virus nel sangue di 593 donatori da luglio 2011 a ottobre 2013. I campioni sono stati testati con […]

15 febbraio 2016

Complicanze settiche della trasfusione

Uno studio americano pubblicato recentemente su Blood ha evidenziato che le complicanze settiche della trasfusione di piastrine (negli USA vengono trasfuse ogni anno 2 milioni di unità di concentrati piastrinici) sono ben più frequenti di quanto ritenuto in passato. Da qui la necessità di introdurre test di laboratorio per evidenziare precocemente i batteri responsabili di […]