Nuovi metodi per combattere l’infezione da Zika virus

Un articola de ‘La Repubblica’ del 5 luglio u.s. ci segnala una tecnica che si sta mettendo a punto per tentare di arginare la diffusione dell’infezione da Zika virus, che si trasmette come più volte segnalato in queste pagine, principalmente ad opera di zanzare vettori (link). Grazie ad una collaborazione internazionale Cina-Usa, si stanno facendo crescere in laboratorio milioni di esemplari maschi di zanzara tigre resi sterili attraverso l’infezione con un batterio, il Wolbachia pipientis (in foto).

L’obiettivo è quello di far crescere in cattività insetti di sesso maschile incapaci di riprodursi, i quali vengono poi liberati in grandissima quantità in modo che competano con i maschi “selvatici” per l’accoppiamento. L’elevato numero di maschi sterili riduce così la fecondità della popolazione limitandone la diffusione e la pericolosità. Questa tecnica, che rientra tra le numerose strategie di prevenzione in studio (linklink), potrebbe essere utilizzata già in occasione delle prossime Olimpiadi in Brasile, evento che preoccupa molto la comunità scientifica, in particolare per i rischi di complicanze fetali cui potrebbero esporsi donne gravide.


Fonte: La Repubblica.it (5 luglio 2016)

Altre notizie della sezione

27 gennaio 2016

Virus West Nile: continua l’emergenza in Italia.

Il Ministero della Salute ha recentemente emanato un’ordinanza (vedi allegato) in cui si confermano le misure di sorveglianza veterinaria del virus West Nile anche per tutto il 2016. Questa decisione si è resa necessaria a causa del persistere della circolazione del virus su tutto il territorio nazionale. Infatti, cita il documento, nel 2015 in Italia […]

14 dicembre 2015

Studio sulla qualità delle attuali tecniche di rilevamento dei diversi ceppi del West Nile Virus

Il virus West Nile è un arbovirus trasmissibile attraverso la trasfusione di sangue soprattutto nel periodo di infezione asintomatica. Per mantenere una certa sicurezza nelle trasfusioni in America i donatori di sangue vengono testati per il WNVRNA mediante la tecnologia di amplificazione dell’acido nucleico. In Australia si è diffuso il ceppo Kunijn del virus West Nile, […]

3 dicembre 2015

La continua sfida dei virus alla sorveglianza trasfusionale: HHpgV-1

Un interessante lavoro americano sottolinea l’importanza di continuare a sorvegliare e studiare i soggetti sottoposti a trasfusioni di emocomponenti ed emoderivati. Le valutazioni effettuate prima e dopo tale esposizione hanno permesso di identificare un nuovo virus, denominato Human Hepegvirus 1 (HHpgV-1), che presenta analogie del genoma con il virus dell’epatite C (HCV) e con il […]