La monosomministrazione quotidiana di ribavirina sembra promettente per il trattamento dell’epatite C

Uno studio presentato recentemente all’International Conference on Viral Hepatitis (ICVH), tenutasi  a  New York, dimostrerebbe che il passaggio da una somministrazione di ribavirina due volte/die a una volta/die non riduce l’efficacia antivirale del trattamento e migliora la compliance dei pazienti riducendo l’incidenza degli effetti collaterali gastrointestinali. La ribavirina ha infatti un’emivita di due settimane.

Altre notizie della sezione

16 aprile 2013

Un trattamento dell’epatite C basato sull’azione contro il microRNA

La stabilità e la diffusione del virus dell’epatite C dipendono da una interazione funzionale tra il genoma virale e il microRNA-122 espresso a livello epatico ed essenziale per la stabilità e la diffusione dell’RNA dell’HCV. I microRNA sono piccole molecole endogene di RNA non codificante, a singolo filamento, di 20-22 nucleotidi; fanno parte di una […]

11 ottobre 2015

Le infezioni virali: Epidemiologia e trattamento – approfondimento

Numerosi patogeni virali possono essere trasmessi attraverso il sangue. La maggior parte dei virus,  infatti,  si diffonde nell’organismo ospite trasportato dal circolo  ematico (viremia) per raggiungere il suo organo bersaglio. Il grado di sicurezza trasfusionale garantito dall’azione combinata della selezione clinico-anamnestica dei donatori volontari, periodici e non remunerati, e dei metodi sierologici e di amplificazione genomica […]

16 aprile 2012

Le infezioni virali: Epidemiologia e trattamento

Numerosi patogeni virali possono essere trasmessi attraverso il sangue. La maggior parte dei virus, infatti, si diffonde nell’organismo ospite trasportato dal circolo ematico (viremia) per raggiungere il suo organo bersaglio.