Primo isolamento di proteina prionica associata all’encefalopatia spongiforme trasmissibile o PrPTSE in vescicole extracellulari dal plasma murino contaminato da Creutzfeldt-Jakob variante “mouse adapted” con metodica di amplificazione in vitro.

L’attenzione sul rischio di trasmissione prionica associato all’impiego di prodotti emoderivati è aumentata  in seguito al riscontro di malattia di Creutzfeldt Jakob variante (vCJD) in soggetti che avevano ricevuto trasfusione di emazie concentrate ottenuta da donatori sani al momento della donazione, ma successivamente risultati infetti. Inoltre nei pazienti con vCJD è stata già identificata da diversi gruppi la presenza di proteina prionica PrPTSE nel circolo, nello specifico all’interno di vescicole di derivazione endoteliale e piastrinica. Gli autori di questo articolo dimostrano la presenza di PrPTSE all’ interno di vescicole plasmatiche o esosomi nel modello murino sia in fase clinica che preclinica dell’infezione prionica. Gli esosomi, riuscendo a superare la barriera ematoencefalica, sono potenzialmente in grado di favorire la diffusione del microrganismo dalla periferia verso il sistema nervoso centrale. Essi sono pertanto oggetto di interesse in ambito diagnostico e come possibili nuovi target terapeutici.


 

J Biol Chem. 2014 Oct 17;289(42):29247-60.

First  demonstration  of  transmissible  spongiform  encephalopathy-associated prion protein (PrPTSE)
in extracellular vesicles from plasma of mice infected with mouse-adapted variant Creutzfeldt-Jakob disease by in vitro amplification.

Saá P1Yakovleva O2de Castro J2Vasilyeva I2De Paoli SH3Simak J3Cervenakova L2

Altre notizie della sezione

9 ottobre 2015

Preoccupazioni circa le politiche di sicurezza degli emoderivati in cinque Paesi Occidentali

Gli autori si soffermano sulla necessità di specifiche politiche di sicurezza nel campo degli emoderivati e circa modalità e circostanze di attuazione delle stesse. L’ esperienza negli anni 80 e 90 sui virus HCV ed HIV, che, fino alla introduzione di specifiche misure di profilassi, hanno seriamente compromesso l’uso degli emoderivati, ci induce a non […]

9 ottobre 2015

Un filtro per la riduzione del rischio infettivo da prioni non assicura la completa rimozione del microrganismo dalle donazioni ovine

In questo articolo l’attenzione è rivolta all’utilizzo di filtri che permettono la rimozione dell’agente microbiologico responsabile della encefalopatia di Creutzfeldt-Jakob dalle donazioni infette, rendendo in questo modo l’infusione del prodotto emoderivato più sicura. Questo studio condotto sul modello animale dimostra come, anche con il ricorso a tali dispositivi, nello specifico al filtro denominato P-CAPT, il […]

3 febbraio 2015

La valutazione del rischio per la trasmissione della variante della malattia di Creutzfeldt – Jakob da trasfusione di globuli rossi negli Stati Uniti.

Interessante articolo sull’impiego di un modello di stima della trasmissione della vJC attraverso la trasfusione negli USA ma anche in UK