Ruolo dei test ematici nella diagnosi di fibrosi e cirrosi nei pazienti affetti da epatite C

Sebbene la biopsia epatica sia ancora considerato il metodo  più accurato per la stadiazione istologica dell’infezione da HCV, essa ha delle limitazioni ed è un test invasivo con possibili effetti collaterali anche importanti.

Roger Chou e Ngoc Wasson della Oregon Health & Science University di Portland (USA), hanno condotto una revisione della letteratura identificando 172 studi che confrontano l’accuratezza diagnostica dei test ematici con quella della biopsia epatica.

Secondo la loro revisione sistematica, pubblicata nel numero del 4 di giugno 2013 degli Annals of Internal Medicine, i test ematici garantirebbero livelli di accuratezza comparabili a quelli della biopsia epatica nella diagnosi di fibrosi e di cirrosi, nei pazienti con virus dell’epatite C.

Altre notizie della sezione

6 maggio 2013

Patogeni emergenti e sicurezza trasfusionale

Il concetto di malattia infettiva emergente si è andato sviluppando nel corso degli ultimi 2° anni, quando cioè è emerso che non era ancora stato conseguito il totale controllo delle malattie infettive. Le infezioni emergenti sono state identificate come una minaccia continua per la salute umana. Molti di queste infezioni sono note per essere trasmissibili […]

6 maggio 2013

Sicurezza nella terapia sostitutiva, farmacovigilanza ed emovigilanza – approfondimento

Il termine farmacovigilanza definisce i programmi – spesso pubblici e di rilevanza pubblica – per il controllo e la sorveglianza dei farmaci in commercio. Essa è generalmente di competenza delle autorità sanitarie nazionali ed internazionali preposte. La farmacovigilanza è nata dal bisogno di allargare il controllo dell’efficacia dei farmaci nel momento del loro uso su larga scala dopo […]

18 aprile 2016

Plasma fresco congelato inattivato con solvente/detergente

La metodica con solvente/detergente (SD) è stata sviluppata nei primi anni ‘80 per l’inattivazione dei virus capsulati nei plasmaderivati1,2.

Essa si rivelò uno strumento in grado di ledere la membrana dei virus capsulati, delle cellule e della maggior parte dei protozoi, senza danneggiare in alcun modo i fattori labili della coagulazione [fattore V (FV) e FVIII). L’inattivazione con SD non agisce invece sui virus non capsulati e la sua efficacia nei confronti dei batteri è, generalmente, definita meno costante; tuttavia, solo recentemente è stata studiata la sua capacità di inattivare ceppi batterici, di agire sulla crescita degli stessi e di ridurre il potenziale battericida del complemento3.