produzione di FIX viene indotta nella ghiandola mammaria suina bioingegnerizzata

L’ingegnerizzazione della sintesi proteica nella ghiandola mammaria al fine di una ricca produzione di prodotto per la terapia dell’emofilia B nel latte

La terapia dell’emofilia B è quantitativamente limitata dalla bassa densità di cellule animali nei bioreattori industriali e dalla scarsa capacità di questi ultimi di indurre le modifiche post traslazionali nel corso dei processi di produzione proteica con particolare riferimento alle fasi di carbossilazione e clivaggio dei propeptidi.

Al fine di produrre rFIX in quantità significativamente superiore rispetto alla produzione dei bioreattori industriali gli autori propongono un modello di animale transgenico. Nello specifico la produzione di FIX viene indotta nella ghiandola mammaria suina bioingegnerizzata e dunque modificata in modo da aumentare la capacità di indurre modifiche post sintetiche del FIX che risulta così escreto nel latte.


Sci Rep. 2015; 5: 14176.

Engineering protein processing of the mammary gland to produce abundant hemophilia B therapy in milk

Jianguo Zhao, Weijie Xu, Jason W. Ross, Eric M. Walters, Stephen P. Butler, Jeff J. Whyte, Lindsey Kelso,1 Mostafa Fatemi, Nicholas C. Vanderslice, Keith Giroux, Lee D. Spate, Melissa S. Samuel, Cliff N. Murphy, Kevin D. Wells, Nick C. Masiello, Randall S. Prather, and William H. Velander

Altre notizie della sezione

10 ottobre 2016

Dieci anni di follow-up di due coorti, con un aumento del rischio di variante CJD: donatori di individui che in seguito hanno sviluppato variante CJD e altri riceventi plasma derivati da parte di questi donatori a rischio

Estratto Background La trasmissione della variante della malattia di Creutzfeldt-Jakob (vCJD) attraverso la trasfusione di sangue ha provocato tre morti e una infezione asintomatica. Sulla base di queste evidenze, gli individui risultati con un maggior rischio di vCJD sono quelli che hanno ricevuto emoderivati da  individui che in seguito hanno sviluppato vCJD , o mediante […]

21 gennaio 2016

La Creutzfeldt Jakob Disease e le emotrasfusioni: dati epidemiologici dal Regno Unito

La Creutzfeldt Jakob disease (CJD) è una malattia neurodegenerativa legata ai prioni attualmente intrattabile e fatale. Esiste in 3 principali forme: quella sporadica  (sCJD), quella variante (vCJD) e quella familiare (fCJD). In particolare la variante della CJD (vCJD) è la forma zoonotica dell’ encefalopatia spongiforme bovina. Essa è stata ampiamente studiata in UK riscontrando 3 […]

11 gennaio 2016

Creutzfeldt-Jakob variante nei pazienti anziani

Dei 177 pazienti a cui veniva posta diagnosi di Creutzfeldt Jakob variante (vCJD) nel periodo 1995-2014 nel Regno Unito soltanto 6 erano di età superiore ai 55 anni alla comparsa dei sintomi. Essi presentavano caratteristiche cliniche distinte rispetto ai pazienti più giovani con vCJD, tra le altre ad esempio l’assenza del reperto RMN caratteristico di […]