Uno studio di fase I per la prima volta condotto sull’uomo sulla molecola ACE910, un nuovo anticorpo che mima l’attività del FVIII, in soggetti sani.

Il gruppo di Uchida et al dell’Università di Tokyo testa per la prima volta la molecola ACE 910 sull’uomo. In particolare, in questo studio di fase I, comparso su Blood nel 2015, 64 soggetti sani di sesso maschile (40 giapponesi e 20 caucasici) sono stati randomizzati a ricevere ACE910 alla dose di 1 mg pro Kg di peso o placebo al fine di ottenere informazioni dettagliate sul profilo farmacocinetico, farmacodinamico, oltre che di sicurezza e tollerabilità del farmaco.

ACE910 è un anticorpo monoclonale di classe IgG che, legandosi simultaneamente al FIX ed al FX, per i quali possiede siti di legame specifici, simula una funzione cofattoriale analoga a quella svolta in condizioni fisiologiche dal FVIII, di cui i soggetti affetti da Emofilia A sono deficitari. In altre parole esso mima la funzione del FVIII senza sostituirsi ad esso.

I vantaggi rispetto alla terapia sostituiva convenzionale a base di concentrato di FVIII, sono rappresentati dalla somministrazione sottocutanea anziché endovenosa, dal buon profilo di tollerabilità, in assenza di aumentato rischio tromboembolico; l’emivita plasmatica del farmaco è inoltre sensibilmente prolungata rispetto ai trattamenti standard, con il non trascurabile beneficio di somministrazioni più diradate nel tempo.

Di fatto con l’avvento di ACE910 il concetto di terapia bypassante, pietra miliare del trattamento dell’emofilia con inibitori e dell’emofilia acquisita, è per la prima volta applicato all’emofilia congenita non complicata e si candida a diventare, prima ancora che la terapia genica risulti concretamente disponibile per la maggioranza dei pazienti, una alternativa efficace e vantaggiosa rispetto al trattamento convenzionale dell’Emofilia A.


Blood. 2016 Mar 31;127(13):1633-41

A first-in-human phase 1 study of ACE910, a novel factor VIII-mimetic bispecific antibody, in healthy subjects.

Uchida N, Sambe T, Yoneyama K, Fukazawa N, Kawanishi T, Kobayashi S, Shima M

Altre notizie della sezione

17 febbraio 2016

Effetto sul prolungamento dell’emivita plasmatica e sull’efficacia in vivo nella molecola di fattore VIII dovuto alla sostituzione dell’amminoacido Asp519 e Glu665 con Val

L’articolo ci aggiorna sulle ricerche di farmacocinetica in vivo e in vitro relative alla stabilizzazione del Fattore VIII. In diversi test in vitro si è osservato che la sostituzione con le valine idrofobiche (v; D519v, E665v) ha migliorato la stabilità e l’attività del Fattore VIII mutante rispetto alFVIII wildtype (WT). I profili della farmacocinetica erano simili al wildtype, a più alte dosi ma a 4 U/kg l’emivita dei vettori D519v/E665v era migliorata. L’emostasi a basse concentrazioni era migliore per il mutante. La risposta immunitaria era simile tra varianti. Soprattutto questi risultati dimostrano che stabilizzando il dominio A2 del Fattore VIII è possibile migliorare in vitro la terapia dell’Emofilia A.

17 febbraio 2016

Nuovi paradigmi della profilassi con i concentrati di fattore a più lunga emivita

L’articolo ci informa sull’introduzione di terapie con nuovi farmaci a lunga emivita. L’autore riasume la storia della cura dell’Emofilia, sottolineando come i miglioramenti giungano negli anni ’60, grazie alla produzione di fattori sostitutivi liofilizzati, allo sviluppo di programmi di cura  domiciliare e successivamente con l’introduzione di concentrati plasmaderivati e ricombinanti. Viene sottolineato comela profilassi avviata […]

17 febbraio 2016

Terapia sostitutiva con con concentrato di Fattore XI nella carenza del Fattore XI nella pratica clinica routinaria: risultati dello studio su HEMOLEVEN prospettico di sorveglianza postmarketing della durata di 3 anni

Hemoleven è stato valutato,in questo osservazionale in pazienti affetti da deficienza di fattore XI, in 13 centri Francesi in 3 anni. Ricordiamo che in Francia è in uso dal1992. Risulta che Hemoleven è effettivamente efficace per la prevenzione delle emorragie nelle deficienze di Fattore Xi.