Un motivo in più per testare il sangue dei donatori per lo Zika virus

Nella Polinesia Francese c’è stata, a partire da ottobre 2013, un’ epidemia di Zika Virus. Poiché non è ben conosciuta la possibilità di trasmissione dello Zika virus attraverso i derivati del sangue, da novembre 2013 a gennaio 2014 sono stati testati retrospettivamente per lo Zika virus 1505 campioni di sangue di donatori di sangue. Utilizzando una tecnica ad amplificazione dell’RNA virale (NAT nucleic acid testing) sono state riscontrate 42 positività per il virus, il 3% dei campioni analizzati, campioni provenienti da donatori asintomatici al momento della donazione. Alla luce di questi risultati in Polinesia Francese a partire da febbraio 2014 si sono implementate il più possibile le tecniche di ricerca nel sangue dei donatori dello Zika virus. Questa ricerca suggerisce che non soltanto in Polinesia ma in tutti i paesi dove sono endemici i vettori dello Zika virus (Aedes albopictuse aegypti) e quindi dove tale infezione potrebbe diffondersi sarebbe importante, per controllare la trasmissione di tale virus, testare i campioni di sangue dei donatori per lo Zika virus.


Potential for Zika virus transmission through blood transfusion demonstrated during an outbreak in French Polynesia, November 2013 to February 2014

D Musso (dmusso@ilm.pf)1, T Nhan1, E Robin1, C Roche1, D Bierlaire2, K Zisou1, A Shan Yan1, V M Cao-Lormeau1, J Broult2

1. Unit of Emerging Infectious Diseases, Institut Louis Malardé, Tahiti, French Polynesia
2. Centre hospitalier du Taaone, Tahiti, French Polynesia

Altre notizie della sezione

15 febbraio 2016

Complicanze settiche della trasfusione

Uno studio americano pubblicato recentemente su Blood ha evidenziato che le complicanze settiche della trasfusione di piastrine (negli USA vengono trasfuse ogni anno 2 milioni di unità di concentrati piastrinici) sono ben più frequenti di quanto ritenuto in passato. Da qui la necessità di introdurre test di laboratorio per evidenziare precocemente i batteri responsabili di […]

21 gennaio 2016

Rivalutazione del rischio di trasmissione del Ross Rover virus attraverso gli emoderivati in Australia

Il Ross Rover virus è un arbovirus appartenente alla famiglia degli alfavirus trasmesso attraverso gli artropodi. Attualmente l’infezione è ristretta geograficamente al pacifico orientale, in particolare il virus è endemico nelle regioni costali del nord e del centro dell’Australia ed è epidemico nel resto del paese. Dal 60 al 75% delle persone infette rimangono asintomatiche, […]

19 gennaio 2016

Trasfusioni infette: lo Stato dovrà risarcire 371 cittadini.

La Corte Europea di Strasburgo dei Diritti dell’Uomo (CEDU) ha condannato lo Stato Italiano a risarcire 371 cittadini che tra gli anni ‘70 e ‘90 hanno contratto malattie infettive quali l’AIDS e l’epatite B e C in seguito a trasfusione di sangue o emoderivati infetti. Tale risarcimento, che complessivamente supera i 10 milioni di euro, […]