Revisione della stima del rischio per la trasmissione occulta del virus dell’epatite B attraverso trasfusione

Lo studio ha avuto come scopo quello di  stimare il rischio residuo (RR) occulto da virus dell’epatite B (OBI) in assenza di un test universale anti-HBc. Per ottenere nuove informazioni sull’epidemiologia dell’ OBI, sono stati descritti i parametri stimati del modello  di RR HBV per l’OBI in Australia.

Nello studio originario il rischio OBI era definito dal tasso di ‘non-rilevazione’ dal test di screening dell’HBV DNA in uso, p (NAT non rilevato) e l’infettività media dei componenti del sangue da donatori OBI, p(trasmissione). Gli studiosi hanno rivisto il modello integrando tre parametri: che le donazioni con livelli di anti-HBs di > 10 UI / l, o donazioni esclusivamente per i prodotti lavorati del plasma, sono esclusi dal calcolo del rischio, da una stima aggiornata di p (trasmissione).

La revisione del modello OBI RR ha comportato una riduzione di oltre il 10 volte del rischio RR riferito ai destinatari da OBI nella nostra popolazione dei donatori. Basato sull’utilizzo di un insieme comune di dati, la media rischio OBI RR diminuito da 1 a 374 354 donazioni (95% CI: 1 in 191 940-1 072 681) a 1 in 3 984 033 (95% CI: 1 a 1 146 188-65 268 257) rispetto al modello precedente.

In conclusione questo modello  ha fornito una misura più realistica della RR HBV nella popolazione dei donatori. A differenza del modello precedente, il nuovo modello dimostra che il rischio di HBV a causa OBI nella popolazione dei donatori di sangue australiana è trascurabile, e le ulteriori potenziali strategie di gestione del rischio di costo-inefficace non sono attualmente giustificate.


Vox Sang. 2016 Aug 26. doi: 10.1111/vox.12446. [Epub ahead of print]

Refining the risk estimate for transfusion-transmission of occult hepatitis B virus.

Seed CR1, Kiely P2, Hoad VC1, Keller AJ

Altre notizie della sezione

10 novembre 2016

Lo sviluppo di trattamenti di riduzione degli agenti patogeni per la trasfusione di sangue: una rassegna di metodi, applicazioni attuali e richieste.

Le infezioni trasmesse per trasfusione (TTI) si sono notevolmente ridotte grazie ad una rigorosa selezione dei donatori e anche a  procedure di screening, cioè la possibilità di usufluire di tecnologie per testare i donatori per le infezioni endemiche, e la vigilanza continua delle autorità di regolamentazione in ogni fase della catena di fornitura di sangue […]

1 novembre 2016

Caratterizzazione e studio di follow-up di infezione da virus dell’epatite B occulto nelle donatori di sangue anti-HBc-positivi nel sud della Cina

Lo scopo di questo studio è stato di valutare la prevalenza di infezione occulta da HBV tra i donatori di sangue anti-HBc – positivi nel sud della Cina. La maggior parte dei principali centri trasfusionali cinesi cercano gli antigeni dell’epatite B (HBsAg ) non considerando la ricerca di anticorpi contro il nucleo del virus dell’epatite […]

13 ottobre 2016

La trasmissione di malattie neurodegenerative attraverso la trasfusione di sangue: uno studio di coorte.

L’aggregazione di  mutazioni di proteine nel cervello avviene in diverse malattie neurodegenerative. L’aggregazione di proteine aberranti è inducibile in roditori e primati di inoculazione intracerebrale. La possibile trasmissione  nelle trasfusione di malattie neurodegenerative ha importanti implicazioni per la salute pubblica. Per studiare la possibile trasmissione trasfusione di patologie neurodegenerative. Lo studio fa riferimento ai registri […]