Trasmissione parvovirus da prodotti del sangue – un motivo di preoccupazione?

L’introduzione della doppia inattivazione virale di concentrati di fattore di coagulazione ha praticamente eliminato le infezioni da virus associate alla patogenicità negli ultimi 20 anni.

Nonostante ciò, le preoccupazioni  teoriche circa la trasmissione di infezioni sono rimasti, come è noto che attualmente non sono disponibili metodi di inattivazione virale in grado di eliminare parvovirus B19 o prioni da questi prodotti. Recentemente, la preoccupazione è stata sollevata a seguito della individuazione di nuovi  parvovirus,  parvovirus umano 4 (PARV4) e nuovi genotipi di parvovirus B19, in prodotti ematici. Parvovirus non causano patogenicità cronica simile al virus dell’immunodeficienza umana o virus dell’epatite C, ma comunque possono causare manifestazioni cliniche, in particolare nei pazienti immunodepressi.

I produttori dovrebbero istituire misure, come i test polymerase chain reaction minipool, al fine di garantire che i loro prodotti non contengono virus conosciuti.

Finora, Bocavirus umano, un nuovo genere di parvovirus, non è stata individuato in prodotti ematici frazionati, e finchè la loro presenza non può essere dimostrata, i test di routine durante la produzione non sono essenziali. Continua la sorveglianza dei pazienti e della sicurezza dei prodotti del sangue e, indubbiamente, rimane un importante problema in corso.


 

Br J Haematol. 2012 Novembre; 159 (4): 385-93. doi: 10.1111 / bjh.12060. Epub 2012 1 ottobre

Trasmissione parvovirus da prodotti del sangue – un motivo di preoccupazione?

Norja P1, Lassila R, Makris M.

Altre notizie della sezione

8 ottobre 2015

Richiamo di una partita di prodotti derivati dal plasma francesi a causa del rischio di trasmissione della variante di Creutzfeldt – Jakob

La scelta di prodotti derivati dal plasma (PDP) vs. prodotti ricombinanti (RP) per il trattamento dell’emofilia è influenzato dalla sicurezza dei prodotti. Il Richiamo di una partita di un prodotto plasmaderivato a causa del rischio di variante della malattia di Creutzfeldt-Jakob (vCJD), può avere un impatto psicologico sfavorevole sui pazienti emofilici e influenzare le loro preferenze sui […]

5 maggio 2015

Trasfusione di Sangue controllo dei rischi Infettivi

Dalla raccolta di sangue dal donatore per uso trasfusionale fino al momento della somministarazione  al ricevente, ci sono diversi livelli di protezione delle scorte di sangue. Queste misure combinate con enormi progressi nel corso degli ultimi tre decenni nella scoperta di patogeni e analisi del sangue per patogeni specifici (virus dell’immunodeficienza umana (HIV), epatite B (HBV) e […]

22 aprile 2015

Umano parvovirus B19 e la sicurezza dei prodotti del sangue: una storia di 20 anni di miglioramenti

La creazione di sistemi per garantire la sicurezza e la sufficienza del sangue e dei suoi prodotti per tutti i pazienti che necessitano di trasfusioni è un tema centrale di ogni programma di sangue.