blood pouch in refrigerator at blood bank at laboratory hospital

Novità nel campo della profilassi della trasmissione di patogeni correlato all’impiego di prodotti emo/plasma derivati nel trattamento dei disordini emorragici

L’impiego di emoderivati per il trattamento dei disordini emorragici continua ad essere gravato da un rischio infettivo non solo teorico; ciò accade, nonostante l’introduzione di raffinate metodiche per la messa in sicurezza dei prodotti, per la mancata specificità e/o sensibilità di alcune di esse e dunque per il riscontro di falsi negativi ai principali test di screening applicati; inoltre  non è trascurabile la mancata disponibilità di tecniche per lo screening di alcuni patogeni noti a cominciare dai prioni ed il fatto che molti agenti infettivi  non sono conosciuti e dunque identificabili; in altre parole un prodotto considerato sicuro da un punto di vista microbiologico non necessariamente lo è anche sul piano clinico.

Numerosi progressi sono stai compiuti, altri restano ancora da compiere; con la scoperta di nuovi agenti si rendono necessarie nuove metodiche per l’identificazione, possibilmente sufficientemente sensibili e specifiche da utilizzare nella pratica clinica e nelle banche sangue, l’esecuzione di test sulla base della provenienza geografica o ai fattori di rischio dei donatori ed una precisa definizione della dose infettiva per ciascun agente. Inoltre è indispensabile la sorveglianza dei pazienti emofilici, come ad esempio previsto dal programma EUHASS, avviato nel 2008, che coinvolge 25 Paesi europei.


Blood Rev. 2016 Jan;30(1):35-48.

Current concepts in the prevention of pathogen transmission via blood/plasma-derived products for bleeding disorders.

Di Minno G, Perno C, Tiede A, Navarro D, Canaro M, Güertler L, Ironside JW

Altre notizie della sezione

17 febbraio 2016

Ingegnerizzazione dell’ adeno- virus associato per la terapia genica

L’articolo ci mostra le qualità delle terapie basate sull’Ingegnerizzazione degli adeno- virus associati per la terapia genica. Mette in evidenza come questi virus siano ormai sempre più utilizzati quali vettori nella terapia genica.

17 febbraio 2016

Effetto sul prolungamento dell’emivita plasmatica e sull’efficacia in vivo nella molecola di fattore VIII dovuto alla sostituzione dell’amminoacido Asp519 e Glu665 con Val

L’articolo ci aggiorna sulle ricerche di farmacocinetica in vivo e in vitro relative alla stabilizzazione del Fattore VIII. In diversi test in vitro si è osservato che la sostituzione con le valine idrofobiche (v; D519v, E665v) ha migliorato la stabilità e l’attività del Fattore VIII mutante rispetto alFVIII wildtype (WT). I profili della farmacocinetica erano simili al wildtype, a più alte dosi ma a 4 U/kg l’emivita dei vettori D519v/E665v era migliorata. L’emostasi a basse concentrazioni era migliore per il mutante. La risposta immunitaria era simile tra varianti. Soprattutto questi risultati dimostrano che stabilizzando il dominio A2 del Fattore VIII è possibile migliorare in vitro la terapia dell’Emofilia A.

17 febbraio 2016

Nuovi paradigmi della profilassi con i concentrati di fattore a più lunga emivita

L’articolo ci informa sull’introduzione di terapie con nuovi farmaci a lunga emivita. L’autore riasume la storia della cura dell’Emofilia, sottolineando come i miglioramenti giungano negli anni ’60, grazie alla produzione di fattori sostitutivi liofilizzati, allo sviluppo di programmi di cura  domiciliare e successivamente con l’introduzione di concentrati plasmaderivati e ricombinanti. Viene sottolineato comela profilassi avviata […]