Un nuovo test per l’HIV consente di individuare infezioni che sfuggivano ad altre metodiche in uso.

Si tratta di una combinazione tra un test immunologico di quarta generazione e un test di differenziazione degli anticorpi anti-HIV-1/HIV-2. Secondo i ricercatori del Centers for Disease Control and Prevention (CDC) negli Stati Uniti, questo test è stato in grado di rilevare infezioni acute che sarebbero state perse dai precedenti test HIV. Queste infezioni erano spesso classificate erroneamente come “HIV-negative con i metodi più vecchi e potevano causare outcome sfavorevoli nei pazienti e un’ulteriore diffusione dell’HIV all’interno della comunità”, hanno scritto i ricercatori su Morbidity and Mortality Weekly Report del 21 giugno 2013.

Altre notizie della sezione

3 luglio 2013

Il rischio di HIV trasmesso con la trasfusione di sangue donato da uomini che hanno avuto rapporti omosessuali 12 mesi prima della donazione: stime del rischio 2005-2007 in Inghilterra e Galles

Questo lavoro confronta il rischio d’infezione da HIV trasmesso con la trasfusione (in Inghilterra e Galles nel periodo 2005-2007) adottando l’esclusione permanente dalla donazione dei maschi che hanno avuto rapporti omosessuali o la sospensione per 12 mesi. Presumendo che in sede di selezione dei donatori di sangue si usino in modo analogo entrambe le strategie, […]

3 luglio 2013

La modifica dei criteri di selezione dei donatori di sangue per i maschi che hanno rapporti omosessuali non ha un impatto significativo sull’incidenza di infezioni da HIV in Italia.

Uno studio italiano recentemente pubblicato su Blood Transfusion dimostra che la modifica dei criteri di selezione dei donatori di sangue per i maschi che hanno rapporti omosessuali (da sospensione permanente a valutazione individuale del rischio sessuale) non ha un impatto significativo sull’incidenza di infezioni da HIV in Italia. “Suligoi B, Pupella S, Regine V, Raimondo […]

18 giugno 2013

Dimostrazione della trasmissione del parvovirus B19 in pazienti con difetti della coagulazione trattati con concentrati di fattori della coagulazione nell’era degli screening con le tecnologie NAT

Questo articolo sottolinea come l’introduzione dello screening per il DNA di parvovirus B19 per i pool di plasma per la preparazione di plasma-derivati,  a partire dal 2000, non sia riuscito a eliminare il rischio di trasmissione di questa infezione virale tramite questi prodotti del sangue. Lo screening prevede che i pool di plasma contenenti  una […]