Un supercomputer ricostruisce il capside del virus HIV

Blue Waters è una razza rara di supercomputer che può gestire uno quadrilione di operazioni al secondo ed è in dotazione al “National Center for Supercomputing Applications” dell’Università dell’Illinois a Urbana-Champaign,.

Grazie ad esso, i ricercatori dell’Università dell’Illinois hanno determinato l’esatta struttura chimica del capside dell’HIV, un guscio proteico compost da oltre 1.300 proteine identiche che formano una struttura a cono che protegge il materiale genetico dell’HIV e gli consente di minare il sistema immunitario.

Altre notizie della sezione

18 giugno 2013

Ruolo dei test ematici nella diagnosi di fibrosi e cirrosi nei pazienti affetti da epatite C

Sebbene la biopsia epatica sia ancora considerato il metodo  più accurato per la stadiazione istologica dell’infezione da HCV, essa ha delle limitazioni ed è un test invasivo con possibili effetti collaterali anche importanti. Roger Chou e Ngoc Wasson della Oregon Health & Science University di Portland (USA), hanno condotto una revisione della letteratura identificando 172 […]

7 maggio 2013

Hemovigilance: an effective tool for improving transfusion safety

“Hemovigilance: an effective tool for improving transfusion safety” è il primo libro di testo che tratta in modo globale un argomento così nuovo come l’emovigilanza, un settore della medicina trasfusionale nato meno di 20 anni orsono.

6 maggio 2013

Patogeni emergenti e sicurezza trasfusionale

Il concetto di malattia infettiva emergente si è andato sviluppando nel corso degli ultimi 2° anni, quando cioè è emerso che non era ancora stato conseguito il totale controllo delle malattie infettive. Le infezioni emergenti sono state identificate come una minaccia continua per la salute umana. Molti di queste infezioni sono note per essere trasmissibili […]